fbpx

Diploma

DIPLOMA

 

Il Diploma in Cultura Islamica è un programma annuale online, progettato per dare agli alunni degli strumenti

per rispondere alle domande brucianti sull’Islam. 

L’obiettivo è darti delle prospettive vive e salde sul pensiero islamico. 

È un programma unico perché affianca alla conoscenza teorica anche l’applicazione attraverso esercizi,

studio di biografie e approfondimenti inediti.

 

Se i corsi registrati di IISA servono a darti delle conoscenze utili sul pensiero dell’Islam, questo percorso completo ha delle ambizioni molto più alte. 

OBIETTIVI

  • Proporti una metodologia per analizzare le discussioni moderne sulla religione 
  • Renderti una persona capace di guardare la classicità per cercare risposte oggi
  • Darti gli strumenti per esprimerti con qualità dal punto di vista intellettuale
  • Farti vedere in che modo le grandi figure culturali del passato (sapienti, giuristi…) hanno raggiunto il loro livello di importanza
  • Proporti degli spunti per la produzione di contenuti culturali al giorno d’oggi

PRIMO SEMESTRE: Il pensiero islamico classico, visto con nuova luce.

In questa prima parte del diploma verranno analizzate le fondamenta classiche dell’Islam, seguendo la metodologia utilizzata da sempre dagli ‘Ulema del passato.

Parleremo di Islam, Iman ed Ihsan, ma non solo:

  • Biografie di personaggi fondamentali della cultura islamica
  • Usul Al-Din e metodologie per guardare le fonti
  • Rapporti tra fede islamica e contemporaneità
  • Spunti di storia del Fiqh, della ‘Aqida, di ‘Ilm Al-Qulub 
  • Spunti filosofici e sapienziali

SECONDO SEMESTRE: Questioni contemporanee e come affrontarle

Dopo aver svolto un primo percorso nella classicità, abbiamo visto quali sono le basi per poter iniziare a parlare di Islam nel nostro mondo contemporaneo.

Il secondo semestre sarà invece più focalizzato sugli aspetti cruciali del dibattito culturale:

  • Il ruolo dei teologi nel XXI secolo
  • Fede, dubbio e confusione nell’Islam
  • E’ possibile oggi fare arte islamica?
  • Psicologia islamica e Tazkiyat Al-Nafs
  • Problemi che ci toccano

UN NUOVO SGUARDO: NON ROVINE, MA FONDAMENTA

 

E’ qualcosa che fino ad oggi non era mai stata proposta in Italia.

Troppo spesso, quando si parla di pensiero islamico nelle accademie, nei centri culturali.

Si pensa sempre ad uno studio soprattutto storico, quasi “archeologico” della religione.

Si studiano le dinastie del passato, gli antichi scienziati dell’epoca d’oro…

In sostanza si guarda all’Islam quasi come un relitto, un edificio in rovina da guardare con occhi sognanti e curiosi. 

 

Quando si guarda alla modernità, al massimo, si analizza l’Islam attuale come evento politico e sociale, legato solo a fenomeni migratori e contrasti culturali con l’occidente… Insomma, nessuno parla davvero in termini di pensiero.

Nessuno, guardando a quelle dinastie scomparse e quei relitti, trova lo spunto per proporre un pensiero sapienziale, un pensiero artistico o poetante.

 

SE VOGLIAMO AVERE UN’IDENTITÀ,

DOBBIAMO UNIRCI ATTORNO ALLA CULTURA

 

Finché l’Islam è visto come un pensiero che non ha nulla da offrire…

Finché siamo soltanto una comunità da “integrare” intellettualmente…

La nostra posizione nella società sarà sempre secondaria e poco importante.

 

Avere una rappresentanza non vuol dire avere persone col velo in centri politici e culturali. 

Non accettiamo la narrazione per cui noi musulmani siamo “uguali agli altri, ma col Hijab in testa”. Noi siamo persone con la voglia di dare un valore aggiunto, un impatto al mondo. Bisognerebbe smettere di sognare dei “ponti” tra culture, ma imparare a costruirli.

 

QUESTO DIPLOMA FA PER TE SE:

  • Vuoi avere una metodologia per analizzare l’Islam e parlarne correttamente 
  • Vuoi conoscere il modo in cui i pensatori dell’Islam hanno sviluppato il pensiero giuridico (fiqh) e teologico (ʿaqīda e kalām)
  • Ti interessa vedere l’Islam come Protagonista della nostra storia, e non soltanto come fenomeno di immagine
  • Vedi che i musulmani non sono in grado di dare voce a sé stessi, facendosi raccontare da altri (mass media, accademici non musulmani…)

TEMPISTICHE DEL DIPLOMA

 

Ci sono due momenti in cui si aprono le iscrizioni: 

La prima inizia nel mese di ottobre e si conclude a maggio dell’anno successivo. 

La seconda inizia a marzo e termina nel mese di febbraio dell’anno successivo.

 

Il diploma ha durata annuale, con due sessioni di esami: i test preliminari (dopo 6 mesi) e gli esami finali con consegna del Diploma ufficiale (alla fine del percorso). Il corso annuale si interrompe soltanto nelle vicinanze delle feste islamiche.

La frequenza è settimanale, con un totale di quattro incontri per mese.

Gli incontri avranno una data fissa, ma saranno possibili variazioni in caso di necessità dei docenti o degli studenti. Al fine di sostenere l’esame dovrai aver seguito tutte le lezioni. Se ti assenti per una lezione non preoccuparti: le sessioni vengono registrate e potrai guardarle in differita. 

 

LA DOCENTE: FRANCESCA BOCCA-ALDAQRE

 

Sono Francesca, teologa e docente. Insegno Cultura Araba e Civiltà Islamica in Università e lavoro nel mondo della cultura e dell’editoria. 

 

Il mio percorso di studi ha mischiato gli studi islamici alla psicologia e alle neuroscienze, in Italia, Germania, Stati Uniti e Siria.

Alcuni anni dopo la mia conversione ho preso l’importante decisione di rendere il pensiero islamico il mio lavoro a tempo pieno: il mio obiettivo era rappresentare la mia religione dal punto di vista culturale.

Ho fatto un lavoro su vari livelli: dapprima con l’Istituto Averroè, la prima realtà italiana organizzata in maniera sistematica per la formazione islamica di bambini e ragazzi. Ad oggi abbiamo alcune centinaia di iscritti (sia dalla nostra sede a Piacenza, sia con didattica online)

 

Poi ho cercato di produrre cultura in prima persona. Ho scritto la storia della conversione di Goethe, il maggiore poeta tedesco, alcuni saggi sul pensiero islamico (educativo e teologico), un libro di poesia. Sono stati esperimenti per capire cosa potesse funzionare per creare cultura islamica in lingua italiana, e alhamdu-Lillah, hanno portato a parlare di Islam in modo nuovo anche in posti inaspettati, come TV, giornali e teatri.

Alla fine mi sono specializzata nel settore dell’alta formazione culturale. 

Dapprima con un esperimento innovativo, l’Istituto Arkan; poi lavorando come preside di facoltà di Islamic Psychology alla International Open University (IOU), e ora con IISA.

 

Ho conosciuto nel mio percorso delle persone validissime, che mi hanno permesso di raggiungere questi obiettivi. Adesso sono docente di questo diploma annuale, sperando di essere di aiuto affinché la nostra comunità lasci il segno ancora una volta.

 

IL DIPLOMA

LEZIONE PER LEZIONE

PRIMO SEMESTRE

I. Cos’è l’Islam
  1. Islam definito dall’interno, Islam definito dall’esterno
  2. Il problema della dare un nome alle cose. Come si “traduce” l’Islam oggi?
  3. Storia delle idee: Islam come cultura dell’ambiguità
  4. Le “parti” dell’Islam: il hadith di Gabriele come schema classico
  5. Focus: Cosa vuol dire Islam? Il senso stretto ed il concetto generale
  6. Muslim, mu’min e muhsin: non si tratta  delle stessa cosa.
  7. I cinque pilastri nella pratica: sviluppi giuridici, artistici, economici, scientifici. 
  8. Da ibada a ubudiyya. Adorazione intrinseca e adorazione estrinseca. Considerazioni contemporanee.

 

II. Il pensiero giuridico (fiqh)
  1. Fiqh, ovvero comprensione. Comprensione maggiore e minore. Branche e tipologie di fiqh
  2. Dall’era del Profeta  ﷺ alle quattro scuole giuridiche. Scuole minoritarie e fiqh sciita
  3. La “chiusura” delle porte del fiqh è successa davvero? Riformismo, Salafismo e questioni contemporanee.

     

       

      SECONDO SEMESTRE

      III. Teologia

      1. Il concetto di fede. Le prime eresie. Relazione tra islam e iman
      2. Din wa Dawla: Siamo l’opposto di una fede intimista
      3. Effetti del concetto di fede islamica: contemplazione ed azionE
      4. Effetti culturali: La mihna come caso studio negativo. Cosa significa “Ahl Al Sunna wa’l Jamā’a”?
      5. Da sei pilastri a settanta rami. Relazione tra fede e pratica .Dall’islam all’iman e viceversa
      6. La scienza della fede: Aqida. Scopo dei trattati di dogmatica e il loro valore nella vita dei musulmani
      7. La scienza della fede: Kalam. La fede incontra la filosofia e nasce una disciplina controversa
      8. Stiamo facendo filosofia? Posizioni sulla filosofia: Ibn Taymiyya, al-Ghazali, Averroè
      9. Problemi che ci toccano: dubbi, fluttuazioni della fede e la cultura del “Yaqīn”

      IV. Spiritualità nel mondo: arte, scienza…

      1. I campi del sapere: cosa manca? Ortodossia e ortoprassi
      2. Come l’orientalismo ha sminuito la tradizione spirituale islamica. Riprenderci un tesoro
      3. Eccellenza, spiritualità La terza componente del hadith. Differenze e assenza di pilastri
      4. Si può dire con le parole? Il problema del linguaggio: Averroè e la filosofia islamica del linguaggio
      5. Scienze dell ihsan: tazkiyat ul-nafs Spiritualità e ascetismo nella tradizione islamica
      6. La spiritualità dei sahaba: il punto di partenza da cui derivano mille vie.
      7. Ilm At-Tasawwuf e altre forme di spiritualità islamica
      8. Dallo spirito alla poesia: la via ascetica, la via mistica, diversi equilibri e manifestazioni culturali
      9. Islam, iman e ihsan diventano cultura. Siamo dunque di fronte ad uno scontro di civiltà?
      10. Le arti e le scienze dell’Islam. Il modi con cui l’Islam ha vinto nella storia
      11. È possibile fare arte islamica oggi? Principi con cui rivoluzionare il bello

        IL METODO DIDATTICO DI IISA

         

        Il corso non è solo costituito da lezioni.

        È interamente strutturato secondo un metodo didattico che mette ordine nel pensiero, e che dopo ogni argomento trattato fornisce nuove vie. 

        Le lezioni servono quindi da segnavia, da “paletti”, ma non esauriscono l’argomento che trattano. Alla fine della lezione viene proposto un modo per applicare, ampliare o narrare l’argomento, che può essere:

        • Esercizio: mappe, divisioni, role-playing, collegamenti, contrasti
        • Esempi concreti di testi, fatawa, affermazioni, articoli, posizioni giuridiche e teologiche
        • Biografia: per imparare chi sta dietro allo sviluppo delle idee discusse a lezione;
        • Bonus: consiglieremo dei video approfondimenti sul tema, che verranno sbloccati e saranno disponibili dalla piattaforma di IISA;
        • Seminario: selezioneremo dei testi di autori classici o contemporanei in traduzione, che serviranno da base per una discussione.

         

         

        “LE VITE DELL’ISLAM”, IL NOSTRO APPROCCIO 

         

        Non vogliamo che gli studenti imparino un Islam “disincarnato”. 

        Il nostro obiettivo è studiare il pensiero islamico attraverso l’analisi di chi ha davvero fatto la differenza nella storia in termini di benefici.

        Il Profeta Muhammad (s) diceva infatti:

        وَخَيْرُ النَّاسِ أَنْفَعُهُمْ لِلنَّاسِ

        “Il migliore tra gli uomini è quello che da più benefici”

        [Al-Mu’jam al-Awsaṭ 5937]

        All’interno della Ahl al-Sunna, ci sono i personaggi che hanno contribuito allo sviluppo del pensiero islamico per come lo conosciamo oggi.

        In alcune lezioni ci sarà un approfondimento su alcune figure fondamentali (ma poco note) del pensiero islamico, sia classico che moderno. 

        E’ un approccio concreto che permette di comprendere meglio le posizioni e le idee dell’Islam.

        Parleremo ad esempio di al-Shafiʿi, al-Ghazali, al-Maturidi, Muhammad Iqbal…

         

        Ci saranno molte vite presentate e raccontate nel corso. Gli argomenti saranno spiegati attraverso le posizioni degli autori fondamentali.

        In questo modo, il dibattito sulla liceità della filosofia passerà attraverso Avicenna, al-Ghazali, Averroè e ibn-Taymiyya, e quello sulla necessità di appartenere ad una scuola giuridica attraverso ibn Rajab al-Hanbali, al-Shawkani, fino a pensatori viventi come Abdal Hakim Murad e Yusuf Al-Qaradawi.

        AGIRE ADESSO

         

        La nostra comunità ha bisogno di avere un’identità culturale.

        Dobbiamo essere capaci di portare al mondo un valore aggiunto, una nuova qualità.

        Finché non comprendiamo l’importanza di coltivare un pensiero islamico di alto livello, tutto questo ci sarà impossibile. La nostra missione è:

        • Proporti una metodologia per analizzare le discussioni moderne sulla religione 

        • Renderti una persona capace di guardare la classicità per cercare risposte oggi

        • Darti gli strumenti per esprimerti con qualità dal punto di vista intellettuale

        • Farti vedere in che modo le grandi figure culturali del passato (sapienti, giuristi…) hanno raggiunto il loro livello di importanza

        • Proporti degli spunti per la produzione di contenuti culturali al giorno d’oggi

         

        Se credi che i musulmani abbiano bisogno di questo per tornare ad essere protagonisti nella nostra società, allora il Diploma fa al caso tuo.

        Unisciti al nostro corso, studia e cresci insieme a noi. Scrivici nel modulo qui sotto e ti ricontatteremo con tutte le informazioni.

        5 + 3 =

         

        Il team di IISA rimane a disposizione per qualunque dubbio.

        Se hai domande, prova a guardare la pagina FAQ.

        Altrimenti, manda una mail e ti risponderemo in pochi giorni.

         

        Assalamu Alaikum wa RahmatuLlahi wa BarakatuHu